A TUTTI I RELIGIOSI DELL’ORDINE

ALL’INSIEME DELLE SCUOLE PIE

 

Cari fratelli e care sorelle,

BUONA PASQUA!

Celebriamo in questi giorni molto speciali tutti i misteri che ci hanno dato la Vita nuova: la Cena di Gesù con i suoi, in cui il Signore istituisce l’Eucaristia e affida ai suoi discepoli il sacerdozio ministeriale e propone loro il servizio e l’amore come stile di vita; la Passione salvifica di Gesù, che porta sulla Croce tutte le nostre realtà e le trasforma per amore; l’attesa struggente della Vita e la gioia profonda della Risurrezione all’alba del primo giorno della Settimana.

La notizia della resurrezione del Signore sconvolge tutte le aspettative dei discepoli, come le nostre. Dà una nuova risposta, tanto inaspettata quanto desiderata. E da quell’esperienza, tutto è nuovo, tutto assume un nuovo significato. Questa è la nostra fede.

È a partire da questa fede che il Calasanzio prese le sue decisioni e si sforzò di costruire le sue Scuole Pie. Tutti noi, che partecipiamo al suo carisma e condividiamo il suo sogno, celebriamo in questi giorni la ragion d’essere della nostra vocazione, della nostra vita e della nostra missione.

Siamo consapevoli del momento in cui viviamo, e forse per questo è più urgente che mai proclamare insieme che la Vita che ci è data è più forte delle difficoltà che incontriamo. Siamo e diventiamo scolopi per annunciare ai bambini e ai giovani che c’è una risposta alle loro domande e che c’è un orizzonte verso cui camminare: il Regno di Dio.

Con questa speranza, ci facciamo gli auguri di una santa e felice Pasqua.

A tutti gli scolopi e a tutte le persone che camminano lungo i sentieri iniziati dal Calasanzio, i nostri migliori auguri in questa celebrazione della Pasqua.

La Congregazione Generale delle Scuole Pie