Lunedì scorso, 27 gennaio, è iniziato nella Casa della Spiritualità di Montecucco a Roma il terzo Incontro dei Religiosi di mezza età, organizzato dall’Ordine su richiesta dell’ultimo Capitolo Generale. Ventidue scolopi tra i 45 e i 60 anni, provenienti dalla maggior parte delle Demarcazioni dell’Ordine, si sono incontrati nella Casa della Spiritualità a Montecucco, Roma.

In un clima fraterno, l’incontro si propone di approfondire le chiavi di questo periodo di vita per promuovere un’esperienza più fruttuosa in tutte le sue dimensioni, calasanziana, psico-affettiva, consacrata, ministeriale, ecc.

Le prime sessioni sono state dirette dallo scolopio Angel Ayala, che ha sviluppato nel dettaglio il periodo della vita del Calasanzio tra il 1602 e il 1617, attraverso ciò che la storiografia attuale ci rivela e l’analisi diretta di alcuni testi calasanziani,  concretizzando le sfide che la vita  del Calasanzio offre,  in questo periodo, coincidente con quella dei religiosi presenti.

A complemento di questa prospettiva sono previste varie presentazioni e tavole rotonde, con la partecipazione di Juan Mari Uriarte, Vescovo emerito di San Sebastian e Zamora, Pedro Aguado, Superiore Generale dell’Ordine, Mons. João Braz de Aviz, Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata, diversi laici e laiche della Fraternità Scolopica,  giovani religiosi e religiose in formazione iniziale e giovani adulti, provenienti da varie parti dell’Ordine.

I momenti di dialogo, di riflessione e di preghiera, insieme alle presentazioni menzionate, aiutano i partecipanti a vivere questa parentesi nella loro attività come un momento di crescita e di particolare densità spirituale.

P. Juan Carlos de la Riva Sch. P.