La grazie di Dio non può essere mascherata!

A causa delle restrizioni imposte da questa pandemia, una caratteristica distintiva era presente nella celebrazione: tutti avevano la mascherina. Tuttavia, la condizione prevalente non ha impedito alla grazia di Dio, che Egli ha concesso a Fratello  Nguyen Tan Phat, di fiorire continuamente nella sua vita di religioso scolopica. La stessa grazia gli permette di pronunciare il suo impegno di vita al servizio dell’Ordine delle Scuole Pie e della Chiesa. Nella sua omelia, p. Lily ha condiviso che nella vita religiosa, meno è più. E’ attraverso il servizio a chi ha meno, ai bambini e ai giovani poveri che un religioso scolopio potrà sperimentare l’abbondanza della grazia di Dio. Nella sua lettera, il padre generale, Pedro Aguado Sch. P., ricorda a Fratello  Phat di non dimenticare mai il suo nome religioso, “il Santo Bambino Gesù”, perché la sua vita è dedicata all’educazione dei bambini.

La celebrazione ci ricorda infatti la presenza amorevole di Dio e la sua guida nel mezzo di questa crisi. Egli ci rafforza nel nostro cammino verso la perfezione religiosa, il cammino che siamo chiamati a vivere e a professare. I sorrisi non si vedono dietro le maschere, ma la grazia di Dio porta il raggio della gioia e dell’appagamento ai cuori riconoscenti e semplici, perché la Sua grazia non può essere mascherata!

Gerysan M. Andrino Sch. P.