La riunione del Consiglio Provinciale ha avuto luogo dal 2 al 4 marzo con la partecipazione dei Superiori delle case, del Provinciale, degli Assistenti e dei Delegati. La maggior parte dei partecipanti erano presenti nella Casa di Ritiro di Hebdów, il resto via internet, 21 religiosi in tutto.

L’incontro è iniziato con la preghiera della Coroncina della Divina Misericordia. Le prime sessioni avevano un carattere formativo. P. Tadeusz Florek O.C.D. ha tenuto una conferenza sulla preparazione dei superiori all’accompagnamento nella comunità. Il tempo è stato utilizzato per la preghiera comunitaria della Liturgia delle Ore, l’adorazione del Santissimo Sacramento, la celebrazione dell’Eucaristia, gli incontri fraterni e otto sessioni.

P. Piotr Recki, delegato per la pastorale vocazionale, ha riferito che negli ultimi due anni, nonostante la pandemia, sono stati organizzati 20 ritiri vocazionali con la partecipazione di 142 giovani tra i 16 e i 30 anni, la maggior parte dei quali sono studenti universitari. Dei partecipanti, 12 sono nostri studenti e 6 sono giovani delle nostre parrocchie. Inoltre, 7 giovani hanno approfittato della possibilità di ritiri individuali. Questi ritiri sono organizzati nella casa dello Studentato a Cracovia. Nella valutazione i giovani hanno apprezzato l’atmosfera della comunità, l’ospitalità e l’accoglienza, l’apertura e la fraternità. Il programma include la possibilità di conversazione individuale con accompagnamento spirituale.

P. Tomasz Jędruch, assistente per le parrocchie, ha descritto la situazione parrocchiale durante la pandemia. Abbiamo continuato con la preparazione alla Prima Comunione e alla Cresima. Il calendario delle celebrazioni eucaristiche e delle altre celebrazioni rimane stabile. I malati e gli anziani hanno la possibilità di ricevere il sacramento dell’Unzione. In alcune parrocchie c’è un aumento del numero di funerali. I gruppi di formazione parrocchiale continuano il loro lavoro, anche se alcuni non sono regolari. Ci sono nuove iniziative, per esempio, mini-lezioni di teologia fondamentale per ex studenti universitari a Cracovia Pijarska, catechesi per adulti sui sacramenti e sacramentali a Cracovia Wieczysta, il Seminario per il rinnovamento della fede via Internet a Jelenia Góra, l’adorazione serale del Santissimo Sacramento a Cracovia Rakowice. Dopo molti mesi, i sette centri culturali Calasanzio, che formano la rete di educazione non formale a livello provinciale, hanno iniziato a funzionare. P. Tomasz ha indicato alcune sfide nella dimensione parrocchiale: la corretta celebrazione dell’Eucaristia con la partecipazione dei bambini, la preparazione alla prima Comunione con la formazione dei genitori, la pratica sistematica della confessione dei minori, la formazione dei gruppi esistenti e soprattutto la necessità di proporre la formazione per i bambini e i giovani della loro età.

P. Sławomir Dziadkiewicz, assistente per le scuole, ha ricapitolato che nell’attuale scuola gestita dagli scolopi in 8 città della Polonia ci sono 4106 studenti. I risultati degli esami alla fine della scuola primaria e secondaria sono molto soddisfacenti. Negli ultimi mesi si sono svolte riunioni virtuali per direttori ed economi. Un’altra iniziativa è il gruppo di sostegno per i pedagoghi e gli psicologi delle nostre scuole. Il Consiglio Provinciale per l’Educazione e l’Innovazione Pedagogica, composto da dieci persone, tra religiosi e laici delle nostre scuole, continua il suo lavoro preparando le prossime edizioni dell’Incontro Educativo Scolopico e programmando il campo estivo di formazione per i nostri studenti delle scuole superiori.

P. Łukasz Adamusiak ha presentato il frutto del lavoro del Segretariato della formazione iniziale, cioè la nuova proposta del pre-noviziato di un anno. Il suo scopo è: l’esperienza di Dio nella preghiera personale e comunitaria con l’accento sul sacramento della Confessione; la conoscenza di sé; il lavoro individuale nella dimensione delle relazioni con i propri genitori e parenti; l’esperienza del carisma calasanziano; la maturazione nel cammino di libera risposta alla vocazione scolopica.

P. Dominik Bochenek, delegato per la pastorale dei bambini ha condiviso le buone esperienze del funzionamento della clinica familiare “Effata” a Bolesławiec che ha l’aiuto gratuito di 16 specialisti, quali psicologo, psichiatra, psicoterapeuta, pedagogo, logopedista, nutrizionista, consulente di vita familiare, consulente di vita professionale, direttore spirituale e altri.

Jacek Wolan, assistente per la pastorale giovanile e la comunicazione ha mostrato la pagina web con i primi materiali per i gruppi del Movimento Calasanzio. A causa della pandemia, purtroppo, i turni del Corso di Discernimento sono stati cancellati, ma speriamo di sfruttare le possibilità al più presto. Nel calendario provinciale della pastorale giovanile c’è una nuova iniziativa, cioè l’incontro estivo dei giovani scolopi a Poznań. Nei prossimi anni avremo eventi molto significativi: il Congresso di Spiritualità Giovanile è previsto per settembre 2021; “Incontro dei giovani scolopi” a Rzeszów – Cracovia, l’incontro dei giovani scolopi delle Demarcazioni europee è rimandato all’estate del 2022; stiamo cercando di organizzare un gruppo scolopico per la GMG di Lisbona 2023.

Józef Tarnawski, Economo Provinciale, ha presentato la situazione finanziaria delle Comunità e delle Opere della Provincia, che, nonostante le necessità urgenti, grazie a Dio, è stabile. Le spese delle comunità e dei religiosi sono state analizzate in dettaglio per riflettere su come vivere il voto di povertà.

P. Mateusz Pindelski, Provinciale, ha riferito sulla preparazione del Capitolo Generale. La grande sfida per la Provincia è il progetto delle Giornate del Carisma Scolopico. Questo progetto è la risposta concreta alla proposta dell’ultimo Capitolo Provinciale: A metà del quadriennio organizzare un incontro di religiosi scolopi per approfondire la conoscenza del nostro carisma, analizzarlo e attualizzarlo nelle comunità. Tutti i religiosi e i novizi della Provincia parteciperanno a due turni di queste giornate organizzate ad ottobre dell’anno in corso, con la presenza per un giorno degli scolopi, dei membri della Fraternità, dei rappresentanti dei nostri laici e dei giovani. L’Equipe dedicata a questo compito sta preparando il materiale e le persone che inizieranno il cammino di preparazione a queste Giornate nelle comunità dopo Pasqua fino a settembre di quest’anno.

P. Jacek Wolan Sch. P.