“Abbracciare il Signore per abbracciare la speranza. Ecco la forza della fede: che libera dalla paura e dà speranza”. Conclude così il messaggio che il Santo Padre ci ha rivolto nel momento straordinario di preghiera da lui presieduto in Piazza San Pietro, a Roma, con la benedizione “Urbi et Orbi” a tutta l’umanità.

Quest’anno 2020 celebriamo la Pasqua in un clima molto particolare. Quasi tutti noi siamo confinati nelle nostre case, e non possiamo partecipare di persona alle celebrazioni dei Misteri che ci hanno dato una nuova vita: il Giovedì Santo, la Cena del Signore, il Venerdì Santo la Passione del Signore, la Veglia Pasquale e l’annuncio gioioso della Risurrezione all’alba del primo giorno della settimana. Non possiamo essere lì fisicamente, ma possiamo celebrare e vivere con intensità queste celebrazioni, con fede e speranza.

Noi, membri della Congregazione Generale delle Scuole Pie, vogliamo rivolgere questo messaggio di speranza viva a tutte le persone che in qualche modo condividono la nostra vita e missione scolopica.  Ci rivolgiamo agli studenti, ai membri del Movimento Calasanzio, alle famiglie, agli educatori, ai catechisti, ai professionisti di tutte le nostre opere, ai collaboratori in qualsiasi settore della nostra missione operino, e al personale non docente. Scriviamo a tutte le persone che fanno parte della Fraternità delle Scuole Pie, ai gruppi della Missione condivisa, alla Famiglia Calasanziana, a tutti i religiosi dell’Ordine, ai giovani che stanno facendo i primi passi nel cammino vocazionale scolopico. Desideriamo che questo messaggio raggiunga tutti voi che in qualche modo vi state avvicinando alla vita e alla missione delle Scuole Pie di San Giuseppe  Calasanzio.

Con particolare affetto scriviamo a coloro che più soffrono in queste difficili settimane. A coloro che hanno perso una persona cara, a coloro che vivono con maggiore preoccupazione per la loro età o per la loro salute. A chi si prende cura degli anziani, anche dei nostri anziani scolopi, con dedizione e devozione. E mettiamo nelle mani di Dio coloro che ci hanno lasciato a causa di questa dura pandemia, chiedendo al Dio della Vita di concedere loro il dono della pienezza promessa a noi tutti.

Vogliamo porgere a tutti i nostri migliori auguri in questa Pasqua. Ma vogliamo dare un nome a questi migliori auguri. E per farlo non troviamo parole migliori di quelle pronunciate da Papa Francesco nel suo messaggio del 27 marzo scorso: “Abbiamo speranza: nella sua croce siamo stati risanati e abbracciati affinché niente e nessuno ci separi dal suo amore redentore. In mezzo all’isolamento nel quale stiamo patendo la mancanza degli affetti e degli incontri, sperimentando la mancanza di tante cose, ascoltiamo ancora una volta l’annuncio che ci salva: è risorto e vive accanto a noi. Il Signore ci interpella dalla sua croce a ritrovare la vita che ci attende, a guardare verso coloro che ci reclamano, a rafforzare, riconoscere e incentivare la grazia che ci abita”.

Vi auguriamo di vivere questi giorni con serenità e pace interiore. È vero che soffriamo per non poterci riunire con i nostri fratelli per celebrare l’Eucaristia, ma è anche vero che possiamo farlo in un altro modo, grazie ai mezzi di cui disponiamo. Ma tutti noi saremo in grado di farlo, con o senza tecnologia, secondo la fede profonda che vogliamo condividere. Il luogo migliore per la comunione è la presenza di Dio, e il miglior dono che possiamo offrire è quello di pregare l’uno per l’altro. Non c’è niente di più grande che mettere nelle mani di Dio le persone cui vogliamo bene, i bambini e i giovani ai quali ci dedichiamo e le sfide vocazionali alle quali ci sentiamo chiamati.

Per tutto questo, e con i nostri migliori auspici a tutti voi, vi inviamo il nostro abbraccio, augurandovi di cuore in questa Pasqua, la gioia della Resurrezione!

La Congregazione Generale delle Scuole Pie

 

 

 

 

 

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información. ACEPTAR

Aviso de cookies