Come ogni anno, il 27 novembre celebriamo ancora una volta san Giuseppe Calasanzio patrono di tutte le scuole popolari del mondo. Ricordiamo in lui l’uomo, l’educatore, il religioso, il sacerdote, il santo che seppe guardare i bambini come Dio li guarda e che fu capace di inventare per loro la prima scuola dedicata all’educazione integrale, partendo dal Vangelo, per coloro che ne avevano maggiormente bisogno.

Quattro secoli dopo, noi continuiamo a portare avanti la sua visione dell’educazione, visione che è per noi motivo di impulso e di spinta continua. Si tratta del ministero che il Calasanzio definì “insostituibile” e che lui arricchì con le sue indimenticabili ed enfatiche parole: “degnissimo, nobilissimo, meritevolissimo, comodissimo, utilissimo, necessarissimo, naturalissimo, ragionevolissimo, graditissimo, graziosissimo, gloriosissimo”.

Il Calasanzio visse l’educazione partendo da elementi formidabili, nel suo tempo, e che oggi continuano ad essere necessari: la passione nel rispondere per mezzo della vocazione alla chiamata di Dio, e la convinzione che per mezzo delle Scuole Pie lui stesse collaborando al progetto di Dio per il mondo con la visione del prendersi cura dei bambini e dei giovani partendo dalla loro realtà e offrendo loro permanentemente una educazione di qualità, con la proposta di un’educazione integrale quale unico cammino per “la buona vita dell’uomo futuro e la riforma della società”.

A questa visione formidabile, il Calasanzio dedicò tutta la sua vita: a consolidare le Scuole Pie. Per questo fu capace di invitare molte altre persone a collaborare con il suo sogno. Per questo, le Scuole Pie, sostenute da tanti religiosi, Fraternità, educatori, collaboratori, giovani e tante persone che hanno scoperto il Calasanzio e hanno fatto di lui una proposta di vita, continuano a progredire in molti luoghi e a promuovere molti progetti. E per questo tu sei qui, dando il meglio di te, per un sogno che tu consideri tuo.

Per questo, e in modo sempre più creativo, le sue Scuole Pie continuano a superare frontiere : nuovi paesi, nuove piattaforme educative (educazione formale, educazione non formale, parrocchie scolopiche…,), nuovi progetti che ci aiutano a rispondere alle nuove sfide, una nuova e arricchente diversità vocazionale scolopica, nuove istituzioni che ci aiutano a condividere la missione scolopica, etc.

Per questo, ancora una volta, vi invitiamo a vivere la vostra identità, la vostra vocazione, la vostra missione scolopica, con le stesse convinzioni con cui il Calasanzio diede vita alle Scuole Pie : con fiducia in Dio, con sapiente ardimento e costante pazienza.

Auguriamo a tutti una santa celebrazione della giornata del Calasanzio, il santo dei bambini, il patrono degli educatori, il fondatore delle Scuole Pie!

La Congregazione Generale dell’Ordine delle Scuole Pie

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información. ACEPTAR

Aviso de cookies