Il 9 giugno scorso ha avuto luogo l’incontro conclusivo del Premio Trastevere, organizzato dal team delle Istituzioni scolastiche europee. In questo incontro “on-line” sono stati presentati i video premiati nelle province scolopiche di: Catalogna, Polonia, Emmaus, Betania e Ungheria. Le province d’Italia, Slovacchia e la delegazione d’Austria hanno anche partecipato alla preparazione.

Vi ricordiamo in cosa consiste il Premio Trastevere:

L’obiettivo del premio consisteva nel realizzare un’attività di “Service Learning” o ApS*, per la trasformazione sociale e la cooperazione tra le persone. Concludere visualizzando questi progetti attraverso un video e la sua presentazione da parte degli studenti che lo hanno realizzato.

Il premio ha un approccio educativo che integra l’apprendimento esperienziale e lo sviluppo della responsabilità civica degli studenti attraverso il coinvolgimento della comunità con un servizio che soddisfa i bisogni della comunità.

All’inizio dell’incontro il P. Generale ha parlato ai partecipanti del Progetto Trastevere, della vita che genera e del futuro che aiuta a costruire. Ricordiamo alcune delle sue parole:

“Il progetto TRASTEVERE ti cambia, ti cambia la vita. E sono anche convinto, sono sicuro, che cambia gli educatori, cambia le persone che ti accompagnano, cambia le persone che passano del tempo con te per aiutarti a crescere in questa dimensione di cambiamento e trasformazione in cui credono veramente. Li cambia perché li rafforza nelle loro convinzioni, perché vedendovi lavorare per essere diversi, per essere migliori e per costruire un mondo migliore, loro, gli educatori, riaffermano, noi riaffermiamo la nostra convinzione che il progetto Calasanzio è un progetto reale, ed è possibile.

Ma non cambia solo voi o cambia gli educatori. Cambia anche la scuola, perché la scuola scopre questa dimensione, e la scopre non solo con gioia, ma con impegno, e la articola, e la introduce nei suoi progetti educativi, e fa sì che i suoi studenti vogliano davvero lavorare in questa direzione che noi chiamiamo Trastevere. Trasformare la vita. È anche il risultato del progetto TRASTEVERE, ed è la condizione perché tu possa trasformare la società in cui vivi.

Voglio congratularmi con tutti per questo incontro, e anche per i molti progetti su cui avete lavorato durante questo corso. Oltre a congratularmi, voglio ringraziarvi per quello che state facendo, perché state dando un nuovo tono alla scuola calasanziana. E voglio riaffermare ancora una volta che il progetto TRASTEVERE fa parte del centro e della chiave fondamentale delle Scuole Pie generate da San Giuseppe Calasanzio”.

L’incontro si è svolto con precisione e gioia degli studenti partecipanti, notando il magnifico lavoro svolto e la partecipazione degli educatori con i loro studenti. È stato molto interessante vedere come i nostri studenti interagiscono con le persone e la società del loro ambiente attraverso “l’apprendimento-servizio”, collaborando alla trasformazione in meglio della realtà in cui intervengono dal loro progetto.

P. Miguel Giráldez, assistente generale per l’Europa, ha chiuso l’incontro dicendo tra l’altro:

“Gli atteggiamenti che sono cresciuti in tutti durante questo Progetto Trastevere, conseguenza dei valori che hanno cessato di essere teorici per diventare azioni, dimostrano che la nostra scuola è una scuola solidale e attiva inserita nella società e non estranea ad essa”.

Grazie a tutti gli studenti che hanno fatto la cosa più importante, agli insegnanti che li hanno accompagnati, ai tecnici che hanno facilitato l’incontro, all’Equipe Europea delle Istituzioni Scolastiche e rimaniamo convocati per il prossimo incontro.