Con gioia desidero informarvi che Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il Decreto di Martirio del Servo di Dio Joan Roig i Diggle, laico.

Padre József Ruppert, Mateusz Pindelski ed io, in qualità di postulatori generali, abbiamo reso questo servizio alla causa su richiesta dell‘Associació d’Amics de Joan Roig i Diggle.

Il rapporto del Servo di Dio con il nostro Ordine è dato dal fatto che Joan frequentò il nostro Collegio di Barcellona Escola Pia Nostra Senyora nel Carrer Diputació tra il 1927 e il 1934, cioè dai 10 ai 17 anni. Lì si distinse per  serietà, rispetto e dedizione allo studio. Era molto vicino ai padri scolopi Francisco Carceller Galindo e Ignasi Casanovas Perramon, assassinati ambedue nel 1936 e beatificati da Giovanni Paolo II il 1° ottobre 1995.

In sintesi, della vita di Joan Roig possiamo dire che nacque a Barcellona (Spagna) il 12 maggio 1917, visse gli anni della sua infanzia in modo coerente con la sua fede. Iniziò gli studi presso i Fratelli delle Scuole Cristiane (De La Salle). Passò poi alla nostra scuola dove si iscrisse al liceo. A causa di gravi problemi economici, la famiglia dovette lasciare Barcellona e recarsi in una città vicina, El Masnou. Joan iniziò a lavorare per aiutare la sua famiglia, prima in un negozio di tessuti e poi in una fabbrica a Barcellona, alternando i suoi studi con il lavoro per poter terminare gli studi superiori e poi diventare avvocato. A Masnou partecipò attivamente agli ideali della Federazione dei giovani cristiani della Catalogna. Durante la guerra civile, un sacerdote di Barcellona, che si nascondeva, gli affidò la riserva eucaristica per poterla tenere in casa e distribuire la comunione alla sua famiglia e a chiunque ne avesse bisogno. Il giorno in cui fu arrestato, rendendosi conto che la riserva era in pericolo, consumò tutto per evitare la dissacrazione. Nel dire addio a sua madre, quando fu portato via dai miliziani, pronunciò queste parole: “Dio è con me”. Fu poi fucilato vicino al cimitero di Santa Coloma de Gramanet il 12 settembre 1936. Aveva 19 anni.

Ogni causa ha un processo in più fasi che richiede anni e coinvolge ricerche storiche, testimonianze, studi, ricerche teologiche, raccolte di prove documentali, ecc., tutti elementi necessari per garantire la veridicità e l’autenticità dell’oggetto di studio. A titolo esemplificativo, condivido con voi questo processo o iter per arrivare all’approvazione della promulgazione del decreto di martirio:

L’istruzione del processo si è svolta nella diocesi di Barcellona il 24 novembre 1998 con il nulla osta della Santa Sede; la sessione di apertura si è tenuta il 4 ottobre 1999 e la sessione di chiusura il 16 maggio 2001; il 13 marzo 2000 è stata fatta la Dichiarazione di Non cultu; il 29 gennaio 2002 il Decreto di apertura dell’inchiesta diocesana sul martirio; il 6 giugno 2003 la Congregazione delle Cause dei Santi ha promulgato il Decreto di validità dell’inchiesta diocesana sul martirio; il 31 ottobre 2003 è stato nominato  relatore mons. José Luis Gutiérrez Gómez; il 19 maggio 2006 è stata presentata ai consultori teologici la “Positio super Martyrio”; il 9 dicembre 2014 si è tenuto il Congresso dei Consultori Teologici sul martirio; il 19 marzo 2019 si è tenuto il Congresso teologico definitivo sul martirio; il 1° ottobre 2019 si è tenuta la Sessione Ordinaria dei Vescovi e Cardinali; infine il 2 ottobre Papa Francesco ha approvato la promulgazione del Decreto di Martirio del Servo di Dio.

Che la vita e la morte di questo giovane che ha saputo rimanere fedele alla sua amicizia con Gesù e ai suoi valori ispirino in questi tempi di relativismo esistenziale una vita di maggiore dedizione, fiducia nel Signore e impegno nel lavoro affinché il suo Regno raggiunga tutti, specialmente i bambini, i giovani e le famiglie che ci sono affidati nel nostro ministero scolopico.

 

P. Andrés Valencia Henao Sch. P.

Postulatore Generale

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información. ACEPTAR

Aviso de cookies