Un anno ancora, come ogni 25 agosto, festeggiamo con gioia condivisa San Giuseppe Calasanzio. La celebrazione di quest’anno sarà un po’ diversa in molti luoghi, a causa delle difficoltà che la situazione sanitaria sta causando in tante parti del mondo e che condiziona la nostra vita e la nostra missione. La condiziona, sì, ma non la paralizza, né la svaluta o la indebolisce in modo alcuno.

C’è qualcosa che abbiamo potuto vedere e condividere in tutte le presenze scolopiche durante questi mesi: la forza e la convinzione con cui gli educatori, gli scolopi, i giovani, e tutte le persone che sentono ciò che fa parte della visione scolopica, hanno vissuto e vivono la loro vocazione e la loro dedizione alla missione calasanziana.

Non molto tempo fa, in una lettera fraterna, abbiamo potuto condividere con tutti voi questa convinzione, che è profondamente radicata in tutti gli scolopi: ci sono cose che non cambieranno mai nelle Scuole Pie, per quanto nuovo e sconosciuto sia il contesto in cui stiamo cominciando a camminare, perché non c’è nessun virus che possa distruggerle. Parliamo della passione per la missione, della vicinanza agli studenti, dell’annuncio del Vangelo, dell’impegno per la qualità in tutto ciò che facciamo, del Movimento Calasanzio, della Missione Condivisa, della crescita dell’identità, ecc.

Crediamo in un’educazione sostenuta da un rapporto educativo che non si accontenta di essere virtuale, ma autentico. Per andare avanti, è tempo di rinnovare la nostra convinzione e il nostro impegno per ciò che definisce la nostra proposta educativa, e di aiutarci gli uni gli altri a vivere in modo tale che la nostra testimonianza rifletta, anche se sempre in modo povero e debole, Colui che è la risposta a tutte le domande.

Questo è stato il modo in cui il Calasanzio ha incarnato la sua vocazione, ed è per questo che la Chiesa ne ha riconosciuto il carisma. Di quel carisma, di quell’esperienza del Vangelo, continuiamo a vivere. Nel ricordare il Calasanzio, invitiamoci l’un l’altro a vivere dalle convinzioni che ci ha trasmesso, per il bene dei bambini e dei giovani a cui ci dedichiamo.

A tutte le persone che amano il Calasanzio, i nostri migliori auguri e le nostre congratulazioni.

 

La Congregazione Generale delle Scuole Pie

 

 

 

 

 

 

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información. ACEPTAR

Aviso de cookies