Non avendo potuto pronunciare i voti solenni a Roma il mese scorso per motivi di visto, sembra che la Provvidenza abbia voluto dare a Pedro – e a tutti noi – l’opportunità di celebrare, lo scorso 7 agosto, la sua Professione Solenne con la comunità scolopica e la comunità cristiana che lo ha accompagnato (e che lui a accompagnato) in questi due anni, qui a Makili.

È la prima cosa che ha destato sorpresa: celebrare una Professione Solenne sull’isola di Atauro! Non hanno mai avuto un’occasione simile, è sempre stata fatta in una grande città.

Avevamo chiesto di farlo in modo semplice, in stile scolopico, ma il consiglio pastorale ha detto che era una festa per tutti, non solo per gli scolopi, quindi è stata organizzata con “dimensioni più grandi”: l’accoglienza di tutti coloro che sono venuti (la famiglia di Pedro, i candidati scolopi, il nostro fratello Julião, il parroco, le autorità… e i religiosi della Compagnia di Maria e delle Canossiane), la preparazione di un posto per cucinare per tutti, della cappella, della sala da pranzo e dello spazio – con palco e copertura – per la “festa kultura” che ha seguito la Messa e la professione.

La maggior parte degli ospiti è arrivata il venerdì e il sabato, sui “bero”, le imbarcazioni che partono da Dili verso le 9 e arrivano due ore dopo. Venerdì, sabato e domenica, la comunità cristiana di Makili ha offerto spazio e cibo per tutti.

La domenica, la messa è iniziata alle 16.00. La chiesa era piena. Ha presieduto P. Didimus, ha concelebrato Don Guido (parroco dell’isola) e ha concelebrato P. Daniel, che parla a fatica a causa dell’afonia. Pedro è accompagnato dagli zii, con i quali vive a Dili da diversi anni e che rappresentano la sua famiglia e i suoi genitori defunti. Durante la professione, ricevuta da P. Daniel per delega del P. Provinciale, lo zio Giacinto lo accompagna con una candela, che rappresenta la formazione cristiana ricevuta in famiglia fin dal battesimo.

Dopo la Messa: la parte culturale, con canti, balli e discorsi di congratulazioni, ringraziamento, storia. E cena nelle aree predisposte, per tutti. Poi si è cantato e ballato fino a mezzanotte.

Alcuni giorni intensi di incontro, servizio e disponibilità. Pedro ha dato il suo sì definitivo al Signore e noi siamo grati a Dio, che lo ha chiamato e accompagnato, e a Pedro che ha detto il suo “eccomi, Signore”.

P. Daniel Hallado Arenales Sch. P.